Facciamo chiarezza sulla birra artigianale

Negli ultimi anni, in Italia, è esplosa la moda della birra artigianale portando aspetti positivi e negativi. Tra i positivi c’è stata sicuramente l’entusiasmo e la voglia di provare un prodotto nuovo, lontano da quanto l’industria ha abituato il grande pubblico. Tra i negativi una certa confusione su che cos’è la birra artigianale e cosa dobbiamo aspettarci da essa.
Noi di Praforte siamo un birrificio artigianale dal lontano 2000, in assoluto tra i primi in Italia – dove le birrerie artigianali nascono ufficialmente nel 1996 – e quindi, con la nostra esperienza, proveremo a fare un po’ di chiarezza.

In Italia c’è una legge che definisce la Birra Artigianale

Già! Come per quasi ogni cosa nel nostro Paese, c’è una legge che, nel bene e nel male, dà una definizione di birra artigianale piuttosto specifica.
Ecco cosa dice:
“Si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e di microfiltrazione. Ai fini del presente comma si intende per piccolo birrificio indipendente un birrificio che sia legalmente ed economicamente indipendente da qualsiasi altro birrificio, che utilizzi impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro birrificio, che non operi sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale altrui e la cui produzione annua non superi 200.000 ettolitri, includendo in questo quantitativo le quantità di birra prodotte per conto di terzi.”

Quindi, per la legge italiana, una birra artigianale deve essere:
non pastorizzata e non filtrata
prodotta da un birrificio indipendente
prodotta entro la quantità di di 200.000 hl annui.

Questa delimitazione va quindi ad escludere tutti i birrifici partiti anche come artigianali ma poi acquistati da multinazionali e tutti quelli che applicano alla birra processi industriali.

Di fatto i produttori di birra artigianale in Italia si possono dividere in tre categorie
– i microbirrifici, privi di locali di mescita e concentrati sulla produzione per locali o negozi;
– i brewpub ovvero locali che producono birra per la loro stessa attività di ristorazione
– i beer firm ovvero impianti preesistenti che vengono affittati a privati, i quali possono quindi produrre la loro birra in quantità superiori a quella di un impianto casalingo.

Detto questo, in Italia sta costantemente crescendo il numero di birre artigianali, ispirate ai più diversi stili internazionali ma con contaminazioni inusuali e ingredienti locali sia nelle materie fermentabili che nelle aromatizzazioni.
Le nostre birre, ad esempio, sono caratterizzati da gusti friulani e, pur avendo dei punti di contatto con gli stili canonici, hanno un carattere tutto loro. Ad esempio la Nera potrebbe sembrare una Stout ma ha un gusto dolce completamente differente da quello che ci si aspetta da questo stile. Oppure ancora La Civa si trova a metà strada tra una Bitter e una IPA per arrivare ad un gusto totalmente originale.

Quali sono però i luoghi comuni che le persone associano alla birra artigianale?

Molti pensano che la birra artigianale sia:
più buona ma in realtà dipende dalla bravura e dall’esperienza del mastro birraio (e per fortuna di esperienza ne abbiamo!)
strana ma questo dipende solo dagli ingredienti e dagli accostamenti scelti – ad esempio la nostra Alpina è una birra molto “facile” da bere, perfetta per un aperitivo
amara ma questo è dato dal fatto che molti identifichino le birre artigianali con le IPA quando non è assolutamente così.

E infine, cos’è per noi la birra artigianale?
Per noi, la nostra birra artigianale Praforte è il nostro modo di esprimerci, la modalità con cui vogliamo far assaporare i gusti dei nostri territori.
Nasce dalla nostra volontà di servire un prodotto migliore di quello industriale, far scoprire nuovi gusti che altrimenti sarebbero rimasti appiattiti all’interno degli standard commerciali. Che soddisfazione quando una nostra birra riattiva papille gustative che ormai erano sopite!
E infine è il nostro sforzo di creare un prodotto con ingredienti di qualità, con una sua identità organolettica, anche a costo di renderlo più difficile da vendere.

Questo è ciò che la nostra birra è per noi e speriamo che lo sia anche per voi.
Alla vostra!

No Comments

Post A Comment